Comfort e risparmio energetico: cos'è la ventilazione meccanica controllata?

05.03.20

Ci dimentichiamo spesso che la qualità dell'aria che respiriamo all’interno delle nostre case è importante quanto l'aria esterna: è infatti tra le mura domestiche che trascorriamo la maggior parte del nostro tempo (circa il 60% secondo l’Istituto Superiore di Sanità).
Non bisogna dimenticare che l’aria presente negli ambienti confinati è caratterizzata da una presenza anche consistente di contaminanti biologici, fisici e chimici.
Garantire una buona qualità dell’aria in casa, quindi, è fondamentale per la nostra salute, ma non solo: con le soluzioni di ventilazione meccanica (VMC) si ottengono anche risparmi energetici, grazie ai minori consumi per il riscaldamento e il raffrescamento.

Vediamo perché.

Per fare in modo che l’aria interna sia di buona qualità, è necessario garantire un suo ricambio costante.
Esistono due modi per ottenere questo risultato: l’areazione (o ventilazione) naturale e quella meccanica, cioè “forzata”.
La ventilazione naturale, com’è facile intuire, si effettua aprendo le finestre e garantendo agli ambienti il ricambio d’aria necessario per riossigenare ed eliminare inquinanti e agenti patogeni. La ventilazione naturale, tuttavia, presenta alcuni importanti difetti: innanzi tutto non è sempre salubre, dati i livelli di inquinamento dell’aria esterna; inoltre, è nemica dell’efficienza energetica a causa della dispersione del calore accumulato, causando quindi un aumento dei consumi per il riscaldamento e il raffrescamento. Infine, penalizza il comfort determinando repentini sbalzi di temperatura in casa!

Come fare allora? Si può installare un sistema per la ventilazione meccanica controllata, che non presenta nessuno di questi inconvenienti, offrendo invece molti vantaggi. Queste soluzioni sono basate su sistemi di aspirazione che prelevano l’aria viziata dagli ambienti “sporchi” e su diffusori che reimmettono quella esterna pulita, una volta passata da un sistema di filtraggio capace di eliminare anche i pollini: una caratteristica molto importante, questa, per chi soffre di allergie.
Rispetto al semplice ricambio d’aria naturale, qui il ciclo di ricambio è continuo h24 ed è possibile regolare la portata di aria pulita immessa negli ambienti, con il beneficio di avere sempre la giusta quantità di aria salubre e di ridurre l’umidità nel periodo invernale, e scongiurando quindi il rischio della formazione di condense e muffe. Grazie all’azione della ventilazione meccanica controllata, inoltre, si ottiene in grande beneficio di eliminare i cattivi odori senza essere costretti ad areare i locali.

Una caratteristica importante dei sistemi di ventilazione meccanica controllata è il recupero termico: il calore contenuto nell’aria di scarico viene in buona parte recuperato (fino a oltre il 90%) grazie a uno scambiatore di calore e utilizzato durante la stagione fredda per riscaldare l’aria di ingresso.
In estate e nelle mezze stagioni, in particolari condizioni, la ventilazione meccanica controllata consente di reintrodurre aria fresca (funzione di free-cooling), senza che questa passi dallo scambiatore di calore, per rinfrescare in modo naturale gli ambienti. Queste caratteristiche, insieme al risparmio che si genera dall’evitare la dispersione termica dovuta all’apertura delle finestre, rendono le soluzioni di ventilazione meccanica controllata altamente efficienti dal punto di vista energetico.

Riassumendo, ecco i vantaggi della ventilazione meccanica controllata:
- ricambio costante dell’aria viziata interna, con l’abbattimento di inquinanti organici, chimici e fisici;
- aumento del comfort e della salubrità degli ambienti grazie alla filtrazione dell’aria esterna;
- prevenzione della formazione di muffe;
- riduzione dei consumi energetici grazie al recupero termico;
- riduzione dei cattivi odori;
- facilità di installazione senza interventi invasivi grazie alle soluzioni decentralizzate.

Vuoi saperne di più? Contattaci!

Torna alle Rubriche « Torna alle Rubriche