Riscaldare e raffrescare: come la tecnologia ci aiuta a risparmiare

05.05.18

Come abbiamo già scritto più volte su queste pagine, l’intenzione di trasformare la propria abitazione in un edificio a basso consumo è sicuramente una scelta saggia e vincente per il futuro. Il primo passo chiave è affidarsi a personale qualificato e preparato, che ti possa guidare alla scelta più giusta per le tue esigenze, compatibilmente alle caratteristiche del tuo immobile, gli obiettivi di efficienza energetica e il budget che hai a tua disposizione.

Un secondo passo - ma altrettanto importante - è individuare come la tecnologia può venirci incontro, ad esempio con le pompe di calore ibride. Il solo condizionatore a pompa di calore - nel caso di fabbisogni più difficili o se vivi in zone con inverni particolarmente rigidi - potrebbe risultare non sempre conveniente. In questi casi può essere utile affiancare alla pompa di calore un generatore ausiliario, che intervenga nei periodi più freddi per assicurare il giusto comfort in casa e la massima convenienza.

In questo caso puoi scegliere una pompa di calore ibrida, costituita da due generatori (pompa di calore e caldaia a condensazione), come Vitocaldens 222-F di Viessmann. Attraverso la regolazione intelligente brevettata, viene selezionata automaticamente la modalità di funzionamento più conveniente.

La pompa di calore è in grado di coprire fino all'80% del carico termico annuo utilizzando l'energia termica presente gratuitamente nell'ambiente, abbattendo così i costi energetici.

La caldaia a condensazione a gas interviene in caso di necessità, ad esempio in giornate particolarmente fredde.

Se decidi di acquistare una pompa di calore puoi usufruire della detrazione fiscale 65% o 50% oppure degli incentivi del Conto Termico e abbassare l'investimento iniziale.

Torna alle Rubriche « Torna alle Rubriche